Cosa Vedere a Ronciglione

Stampa

"…la città non dice il suo passato, lo contiene come le linee d'una mano, scritto negli spigoli delle vie, nelle griglie delle finestre, negli scorrimano delle scale, nelle antenne dei parafulmini, nelle aste delle bandiere, ogni segmento rigato a sua volta di graffi, seghettature, intagli, svirgole".

Italo Calvino, Le città invisibili

... Se ci seguirete in questa lettura, vi porteremo alla scoperta di Ronciglione, il paese della Tuscia dai due volti: quello medievale che si sviluppa su uno sperone tufaceo e quello rinascimentale/barocco che si dispiega per le principali ed eleganti vie cittadine dell'epoca farnesiana. Un viaggio nel tempo, nelle vite di chi ha abitato il nostro borgo e di chi ci vive tuttora per riportare a galla momenti importanti della nostra storia che non devono andar perduti.
Lontanissime le origini di questo borgo che risalgono addirittura all'epoca etrusca per poi diventare un possedimento romano. Una Ronciglione ambita e in un'ottima posizione che nell'era medievale venne rifondata nel vecchio sito intorno al 1045 ad opera dei Prefetti di Vico, potente famiglia ghibellina che aveva i suoi possedimenti presso Vico e Casamala, territori distrutti dal conte Everso degli Anguillara nel 1435.
Se siete appassionati di storia medievale il vostro percorso di visita non può non iniziare partendo dal sito più antico di Ronciglione, il Borgo di Sotto.

Cosa vedere nel BORGO DI SOTTO?

Da questo punto salite per la stretta via che si apre davanti alla chiesa per raggiungere il Borgo di Sopra.

BORGO DI SOPRA: rappresenta la parte "più recente" della Ronciglione medievale che si  sviluppò in seguito a un notevole incremento demografico che conobbe il borgo. Appena finita la breve salita noterete subito che presenta un impianto urbanistico particolare: un'unica via dritta ai lati della quale si aprono perpendicolarmente vicoletti numerati che conducono a deliziose piazzette ancora oggi popolate dai turisti e dagli abitanti del borgo, tenaci custodi di antiche memorie e storie.

S'AGGIRA MEMORIA
(di Bruno Fiata, poeta locale)

Nei vicoli dei borghi mesti e solitari
silente s'aggira la memoria
quando la sera al tramontar del sole
gli uomini ritornano dai campi

Parlano stanchi di sogni e di speranze
a volte con l'accenno d'un sorriso
(l'inchino d'uso al padrone
che col calesse passa)

Nell'aria profumo diffuso di minestra
dalla casa misera ma ricca
del lavoratore

Il poco percepito e il tanto dato
tesoro da tenere custodito
come questo tempo dei ricordi

Perché non c'è mattino senza sera
E la sera non viene
se al giorno
sottraggono il mattino.

Cosa vedere nel Borgo di Sopra?

Se invece di aggirarvi per vicoletti e piazzette, preferite passeggiare in ampie e luminose strade e fermarvi in grandi piazze fatte di negozi, bar e splendide fontane, non dovete assolutamente perdervi la parte rinascimentale e barocca caratterizzata da eleganti palazzi con pregiati stucchi e stemmi dalle cui finestre si intravedono pareti affrescate e antichi soffitti a cassettoni. Una zona che richiama alla memoria un periodo straordinario per Ronciglione, che conobbe una vera e propria svolta con l'arrivo della famiglia Farnese: era il 1537, quando papa Paolo III sancì la nascita del Ducato di Castro e Ronciglione, fondato per il figlio Pierluigi, dando così inizio a un'epoca di grande sviluppo urbanistico, economico e culturale, che proseguì anche dopo il 1649, anno in cui papa Innocenzo X fece radere al suo Castro, decretando la fine del Ducato di Castro e Ronciglione. Questo periodo di benessere e sviluppo porterà nel 1728 all'assegnazione del titolo di città da parte di Benedetto XIII.

Quali sono i principali punti di interesse della zona rinascimentale/barocca?
"Per capire le piazze occorre frequentarle. E per frequentarle, non bisogna avere fretta. Le piazze raccontano, infatti, ma bisogna lasciargli il tempo di parlare".
(Beppe Severgnini)
Sicuramente la piazza è da sempre il luogo privilegiato di incontro: in piazza si parla, si discute di politica, di moda, di attualità, ci si aggiorna sulle novità del paese e spesso anche sui vari pettegolezzi. Ronciglione ha due piazze principali che accolgono il turista in tutta la loro bellezza e che se le osservate bene vi raccontano o fanno intuire il loro passato: Piazza Vittorio Emanuele II (Piazza della Nave) e Piazza Principe Umberto I (Piazza del Comune), proprio in quest'ultima sorgono monumenti importanti.

Qui termina il percorso di visita dell'intero paese, ma se avete ancora voglia di continuare la passeggiata, poco oltre la chiesa di Santa Maria della Pace troverete il delizioso Giardino Comunale adatto per grandi e per piccini.

P.S.: A breve sarà realizzata una Galleria Immagini completa dei luoghi.

Silvia Scialanca - Vice Presidente Pro Loco Ronciglione